disturbi di personalità

Esiste qualcuno che non ne abbia uno? O sono io che vengo attorniata da persone ossessivamente gelose, paranoiche o maniacali?

Ma non potevo nascere gatto?

Annunci

non sono all’altezza, sto al livello del mare (Filastrocca dell’estate).

prima o poi l'amore arriva. E t'incula.

Io vado in vacanza dalle esclamazioni, dai punti fermi, dalle conclusioni.

Che un punto alla fine a guardarlo dal vero, è un foro nel foglio, un gran buco nero.

Io vado in vacanza dalla mia settimana, saltello nel tempo giocando a campana.

Io vado in vacanza dall’ansia del fare. Mi metto in disparte e resto a guardare.

E lascio le luci a chi più le vuole, a stare nell’ombra si gode un bel sole.

Io vado in vacanza da quel che conosco, provo il diverso, al nuovo do posto.

Io vado in vacanza dal tacito accordo, bisticcio, m’incazzo, abbaio e poi mordo.

Io vado in vacanza dalla saggia formica, aspetto l’inverno per fare fatica.

Io vado in vacanza dai vestiti stirati, sudare pulisce i cuori accaldati.

Io vado in vacanza senza valigia, mi vesto con l’onda sulla battigia.

Col vento e la brezza mi cambio d’umore, mi stiro i pensieri…

View original post 49 altre parole

Il mondo non è poi tanto male se trovi il tuo posto

Dove mi metto?

“Scusi signore, è occupato il posto accanto a lei?”

“No no, si sieda pure. Mi dica, come mai si trova qui?”

“Mmm beh… potrei farle la stessa domanda…”

“Mi scusi, non volevo essere invadente. Sa com’è, giusto per fare due chiacchiere…”

Lo guardo. Sorrido.

E’ così imbarazzante dire che nulla di eccezionale ci ha portati lì?

Semplicemente cercavo un posto.

Fermata.

“Arrivederci.”

“Salve, buona giornata!”

come si sta in equilibrio?

Saper gioire e ridere fragorosamente e saper soffrire in silenzio,

saper perdere il controllo e saper mettersi ancora in strada,

saper ascoltare i pensieri più lagnosi e turbolenti

per trarne un miglioramento,

sapere quali relazioni portare avanti e quali abbandonare,

sapere accettare la parte malvagia di noi stessi

senza sentirsene in colpa,

saper apprezzare e ringraziare e saper mandare a fanculo,

saper stare soli e saper stare con gli altri.

Facile solo a dirsi.

 

 

La compassione e la purezza (Dalai Lama)

Libro a dir poco illuminante! Conversazione del Dalai Lama con Jean-Claude Carrière, dove sono ripresi temi molto importanti di attualità (come la sovrappopolazione o l’invasione cinese del Tibet) e soprattutto di spiritualità.

Eccomi, dopo una intera infanzia e una intera adolescenza trascorse all’insegnamento del cattolicesimo (dieci anni di catechismo, tirata tutte le domeniche in chiesa, anche a cantare…), finalmente riesco a sospirare ed essere sicura di una cosa: io non credo in dio!

D’altronde come posso io, dottoranda in biotecnologie mediche, basare il cibo del mio spirito su una dottrina che mi dice che bisogna credere (senza potersi interrogare) in arcaiche scritture fondate sull’opera di un essere onnipotente che un bel giorno si è svegliato e ha deciso di creare prima la luce (e poi le stelle) e un mondo così imperfetto….  etc etc… è una dottrina che più che aiutarmi a risolvere questioni spirituali, mi colma da sempre di dubbi e perplessità. Ricordo che già alle medie le mie catechiste erano incapaci di rispondere adeguatamente ai quesiti che le ponevo (non a caso ho scelto un cammino scientifico: io sono sempre piena di domande)…

Il buddismo: ecco che viene in mio aiuto e in aiuto della scienza! Basato sull’ESPERIENZA e la verifica personale, al di là di ogni rivelazione divina (Buddha è un uomo), sulla compassione, sull’interdipendenza (non siamo individui particolari e permanenti, al contrario siamo connessi con l’intero universo all’insegna della transitorietà e della caducità) e sul vuoto (da non confondere col nichilismo).

“Lungi dal bendarci gli occhi ordinandoci di credere, si sforza al contrario di eliminare in noi ogni punto oscuro, di aguzzare, di allungare il nostro sguardo.”

“Non è facile passare parte della vita a disimparare quello che mi hanno insegnato e che avevo creduto fosse vero”… ma questo libro mi ha dato la consapevolezza di non avere la fede  e la forza di poter cambiare…

…con piccoli passi e tanto studio (l’indole compassionevole la ho) preparo il mio spirito a nuovo cibo e spero di riuscire a saziarlo!

AMEN